MERCEDES INSPIRE ME : LA PAROLA È JUMP!

UNO DUE O TRE? POSSO ARRIVARE ANCHE A 100!;) #JUMP “emozionarsi”

Sono ‪#‎Ontheroad‬ a ‪#‎Castelfafi‬ dove le colline disegnano l’orizzonte,  ogni albero racconta una storia lunga tremila anni, circondata da borghi medievali, castelli rurali, un applauso alla natura è solo poesia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Al via la scoperta dell’anima Inspire me
in una celebre frase le risposte
“Nell’oggetto insomma amiamo quel che vi mettiamo di noi.” (L.Pirandello)
#InspireME è il modern luxury della Stella APERTO A TUTTI!
Il principio ispiratore del nuovo marchio è ‘il meglio per me’, indipendentemente dal fatto che il cliente possieda o meno una Mercedes-Benz, o addirittura non possa contare su un veicolo di proprietà.
Vi avevo già raccontato l’innovativa Mercedes me, un nuovo brand di servizi della Best Customer Experience, che unisce tutti i servizi attuali e futuri e li rende sempre accessibili in maniera semplice ed intuitiva grazie ad una piattaforma digitale online, www.mercedes.me.
Mercedes me comprende cinque distinte aree d’interesse – Move me, Connect me, Assist me, Finance me e Inspire me – focalizzate su acquisto di veicoli, finanziamento, manutenzione e servizi di mobilità Daimler.
Questa volta sono a raccontarvi tutto riguardo a Inspire me in una location mozzafiato!
Tra le mura di un castello nell’entroterra Toscano…
Dopo il Mercedes Cafè a Fiumicino e il Mercedes Me Store a Milano in Galleria Vittorio Emanuele questa è la volta del Toscana Resort Castelfalfi, luogo incantato e suggestivo che unisce calda ospitalità e buona cucina, storia secolare, cultura, relax e un paesaggio senza tempo nel cuore della Toscana.
Ispire Me permette di entrare nel mondo Mercedes-Benz, ancor prima di salire al volante di una vettura con la Stella, attraverso esperienze  per vivere appieno il Modern Luxury della Casa di Stoccarda.
“Mercedes-Benz sta registrando una notevole crescita, e vogliamo proseguire in questa direzione: da qui nasce Mercedes me. Sotto questo nuovo brand riuniamo una serie di servizi che ruotano intorno ai nostri clienti, alle automobili ed al mondo dei valori Mercedes”, ha dichiarato Roland Schell, Presidente di Mercedes-Benz Italia.
Mercedes-Benz istituisce oggi una partnership con il Toscana Resort Castelfalfi e sono sicuro che questo innovativo progetto di brand extension contribuirà ad alimentare il successo della Stella.”
Il Toscana Resort Castelfalfi, che nasce da una struttura che vanta una storia centenaria, è stato progettato e costruito secondo i principi della sostenibilità ed è oggi una nuova esclusiva destinazione per chi cerca un luogo di irresistibile fascino. Il Resort offre ospitalità e ottima cucina, un campo da golf prestigioso e molte attività sportive da praticare immersi nella natura in un paesaggio senza tempo. È un luogo dove respirare cultura e rilassarsi in un immobile di prestigio, disponibile per la vendita o per l’affitto.
“Siamo orgogliosi di rappresentare una nuova porta di accesso al mondo Mercedes, ai suoi valori e prodotti. La collaborazione con un marchio internazionale e prestigioso come Mercedes-Benz si traduce per il Resort nella possibilità di offrire un concetto di Luxury Hospitality oggi unico al mondo”, ha dichiarato Stefan Neuhaus, CEO del Toscana Resort Castelfalfi.
Annunci

Jump with Mercedes GLC, donne e Suv, quanto piace?

E’ un dato di fatto alle donne piacciono i Suv.

Ho provato a chiederlo ad amiche e conoscenti e la risposta è stata quasi sepre la stessa… del tipo ”mi da la sensazione di sicurezza,” – “è rialzata come vettura” “cosi quando arrivo mi vedono bene” Aldilà delle dimensioni che non sono mai piccine, e spesso possono tra virgolette intimidire le abituè di citycar e centri trafficati, il Suv piace e anche molto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 Per viaggio e por il trasporto della family, non servono velocità e prestazioni sportive maSicurezza. Questa volta  ho provato in anteprima per voi la Mercedes GLC, ovviamente #Jump!
Lei che va a sostituire la GLK provata e testata tra curve e città …ricordate? Anche Lei era piaciuta molto, un Suv prestigioso e bello da vedere, da guidare e da sognare….http://shemotori.blogspot.it/2015/09/testdrive-con-la-mercedes-glc-donne-e.html
Andiamo a vedere da vicino in cosa cambia la GLC rispetto alla GLK 
Crescono le dimensioni di 120 mm in lunghezza 4,66 mt, 10 mm in altezza e 50 mm in larghezza.
Il frontale squadrato della GLK si “ammorbidisce” in linea con i moderni Suv di Mercedes.
fari sono pronunciati, in opzione i LED High Performance e il paraurti con protezione del sottoscocca integrata è offerto in tre varianti oltre al base, offroad e Amg.
Appena salita a bordo troviamo di tutto e di più spaziosa e accogliente, la GLC non pecca in nulla, il touchpad è collocato nel poggiamano sopra il comando a manopola si trova all’altezza giusta nella consolle centrale che si interfaccia con il display e la consolle centrale. Da qui possiamo veramente gestire tutto, ecco meglio sempre farlo da fermi e non al passo…un consiglio mio perché le distrazioni sono sempre in agguato…
Faccio un giro intorno alla macchina e provo a salire a bordo del bagaglio…non sono esile e piccola e se ci sto io, potete portarvi tutto il vs armadio;) …il vano bagagli è quindi cresciuto di dimensioni raggiungendo i 550 litri di capienza, che diventano 1.600 litri con i sedili abbattuti.
Alla prova sono diversi i modelli che si possono testare, il primo che noto è quello più potente  in questo caso di colore rosso, ma ahimè due audaci colleghi riescono sempre ad essere più veloci e lesti che sono già al volante, mi giro e rigiro e non guardo tanto la potenza ma faccio una scelta più femminile mi piace la GLC in colore bianco, la trovo elegante, raffinata e così salgo a bordo subito…
Ad ogni modo la GLC è proposta in tre modelli tutti Euro6 con il cambio di serie 9G-Tronic, tutti equipaggiati di serie con la trazione integrale permanente 4MATIC:
GLC 220 d 4MATIC diesel 170 CV; GLC 250 d 4MATIC diesel 204 CV e GLC 250 4MATIC benzina, 211 CV.
Alla guida: è una passeggiata
La sua dimensione di certo non mi intimidisce, seduta al volante ho tutto a portata di mano e con il cambio automatico e i paddles al volante sta a me scegliere se “smanettare” o lasciare fare a lei ho persino cinque programmi messi a disposizione per decidere quale modalitàà di guida è più idonea al mio tragitto
Dal DYNAMIC SELECT: ECO, COMFORT, SPORT, SPORT+ e INDIVIDUAL.
L’occhio mi cade subito su sport +, ma sono in città e prediligo una guida Eco…sto per entrare nel parco di Monza 
Il mio test drive non si esaurisce #ontheroad ma prosegue a Monza all’interno dell’Autodromo niente pista ma terra, erba, e tanta polvere per provare in toto la GLC in situazioni impegnative e OFFROAD dove ho TESTATO le sospensioni pneumatiche Air Body Control, capaci di garantirci una minore o maggiore altezza da terra in base alle nostre esigenze e al percorso che si deve affrontare.
E’ facile da dirsi adesso guido offroad, poi iniziano una serie di domande... ma riuscirò a guidarla questa auto è grossa, sembra pesante, ha una carrozzeria cosi bella…non vorrei rovinarla… la risposta è semplice me la suggerisce, a prova finita, un’istruttore di Mercedes , Otto si ” voi donne avete quel plus in pi:  la SENSIBILITA'”
Quanto è vero sagge parole !
Durante la guida offroad a bordo con Alan, l’istruttore che si è fidato di avermi al volante, abbiamo superato ostacoli e salite con una facilità che mai mi sarei aspettata, era la seconda volta che mi trovavo a fare offroad, e il mio pensiero non era tanto del non ribaltiamoci, ma speriamo che la macchina non soffra su due ruote, piegati e con pendenze a 90%…sono piacevolmente soddisfatta della mia guida senza strappi e morbida quasi ”volavo” leggera e sicura…sentivo il passo felpato del mio andare senza paura…per curiosità poi ho provato a fare la passeggera con qualche collega, maschietto, ho notato la guida brusca e forse troppo sicura non è il massimo in certe situazioni… e anche fuori da certi situazioni…avete capito???
Il programma Offroad è destinato ai percorsi in fuoristrada leggeri, come le strade ghiaiose o sabbiose, quello per la salita aumenta la capacità di arrampicata in presenza di rampe ripide o lunghi e lenti tratti in salita.
Passiamo allo sterzo perfetto e alla frenata decisa e perfetta, tutto sotto controllo.
Per quanto riguarda i consumi ahimè per questa volta non posso raccontarvi la mia testa è stata troppo impegnata nel capire meglio quanto può fare questa GLC…sarà un piacere avere una nuova occasione per provarla e raccontarvi quanto consuma e come la si parcheggia con destrezza…
Happy drive  #SuvAttack
Quanto costa questa Suv Stella? 
La GLC parte da 47.940 euro, disponibile in 5 allestimenti: Executive , Business, Sport + 3.300 euro sull’Executive, Exclusive e Premium, + 5.000 euro rispetto allo Sport. #Suvttack

Fuga in Baviera alla scoperta dei “muscles” della Ford Mustang

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una parola un mito: Mustang, simbolo di passione, potenza, avventura e libertà.

Rappresenta lo sfizio sognato fin da piccoli, una valida alternativa alle sportive dei nostri tempi.
Lei” ha recitato al fianco di attori come Will Smith, Nicholas Cage, Jason Statham e Tom Cruise, ma il più memorabile resta probabilmente Steve McQueen protagonista del ‘cult movie’ Bullitt, del 1968.
Da spettacolo come una Ferrari ma costa un quinto, un gioiello tenuto con cura anche nel garage di proprietari illustri come Bill Clinton, Jim Morrison, Jay Leno e Kelly Clarkson.
Sono andata a scoprire i “muscles” della Mustang, è bastato poco per fuggire e raggiungere posti incantati, in mezzo alla natura,  con buon cibo, e tanto silenzio rotto solo dalle voci dagli uccellini, dalle papere e dai “corni bavaresi…” e da non sottovalutare dal rombo pazzesco dei 421 cavalli al galoppo della nuova Mustang.
Da Monaco navigatore impostato per Tegernsee, destinazione  un lago dalle acque limpide e azzurre su cui si specchiano le Alpi bavaresi.
Tegernsee è un famoso centro di villeggiatura dove esiste il rispetto più assoluto per la natura: infatti già dal 1963 non sono ammessi scarichi di alcun tipo nel lago.
E’ anche un luogo “nobile”: era la residenza della Casa Reale di Baviera che, all’inizio dell’ Ottocento, trasformò l’antico monastero dei Benedettini in un castello dove furono ospitate teste coronate e notabili della diplomazia europea.
Ancora oggi è legato al nome dei Wittelsbach che dimorano in una sua ala e possiedono una fabbrica di birra.
Prendo l’autostrada, dove a differenza di quella italiana, poso anche tenere giù il piede facendo comunque sempre attenzione ai limiti di velocità, ma anche dove non ci sono, oltre i 140/160 km/h la Mustang offre una guida piacevole e accelerando un pochino il sound che proviene dagli scarichi è molto meglio della radio accesa.
Per le più temerarie lo 0-100 Km/h è in meno di 5 secondi.
Su strade extraurbane si scopre la “Baviera”: campi di colza fioriti, colore giallo e verde fanno da cornice alla nostra Mustang in colore rosso… E’ facile lasciarsi prendere dalle emozioni, questa Baviera incanta e quando meno te lo aspetti ecco un incontro ravvicinato con il passaggio di mucche e cavalli; il profumo della natura si fa sentire e mi piace anche nella versione cabrio e anche con qualche cavallo in meno(317).
Raggiungo con una guida brillante la “mondana” Rottach-Egern (6.400 abitanti), lussuosa stazione di villeggiatura estiva-invernale e di benessere dove si trovano alberghi e i negozi, i più eleganti e costosi della zona.
Una cosa non deve mancare nella Mustang, ogni fuga ha il suo gusto e questa sa di brezel! Ogni scorcio è buono per una pausa e qualche foto.
Ps Non dimentichiamoci Mustang Unleashed che celebra la Mustang e il modo in cui ha ispirato la cultura pop negli ultimi 50 anni a cui hanno lavorato top designer di tutto il mondo come Anna Sui, Rogan Gregory e Scott Mackinlay-Hahn di Rogan, Paula Cademartori, Tomaso Anfossi e Francesco Ferrari di CO|TE, e Pamela Love

#MustangDrive